I LANCER RUMENI DI CAMPIA TURZII


(testo e foto di Alberto Celsan e Marco Bazzan)




               

       

               


La Baza Aeriana 71 si trova circa 5 km a sud del paese di Campia Turzii, in Transilvania, ed Ŕ uno dei due aeroporti dell'Aeronautica Militare Rumena ad ospitare i MiG-21 LanceR C, unitamente alla Baza Aeriana 86 di Fetesti. Costruita tra il 1952 ed il 1953, la base Ŕ stata utilizzata nei primi anni '80 da un'unitÓ di paracadutisti fino al 1987, quando venne rischierato a Campia Turzii il primo MiG-21.
Oggi la componente aerea della Baza Aeriana 71 si compone della Escadrila 711 Aviatie Lupta su MiG-21 Lancer C, in servizio dal 2001, e di due gruppi su elicotteri IAR-330, sia in versione -M MEDEVAC che -SOCATA per ruoli di attacco al suolo, anticarro e CSAR: l'Escadrila 713 Elicoptere e l'Escadrila 712 Elicoptere, che dipende da Campia Turzii ma Ŕ rischierata a Timisoara. La base aerea Ŕ servita da una zona logistica situata a circa 2 km di distanza mentre la zona operativa, adiacente alla pista, comprende la torre di controllo con gli uffici operativi, una piccola struttura per i tecnici e 3 hangar di manutenzione, uno dedicato ai MiG, dove gli specialisti possono fornire direttamente nella base la manutenzione programmata delle 25, 50, e 100 ore per motori e delle 50, 100 e 200 ore per le cellule, uno per gli elicotteri ed uno per i mezzi di supporto. L'aeroporto Ŕ caratterizzato dall'assenza di hangar per il ricovero degli aerei e per garantire il servizio di QRA nel periodo invernale vengono utilizzati dei mezzi che mantengono riscaldati i caccia con getti di aria calda. Nelle vicinanze della base aerea si trova inoltre il poligono di tiro di Bogata, utilizzato per l'addestramento ai tiri con i razzi ed il cannoncino.
Il MiG-21 Lancer C Ŕ una versione del famoso caccia sovietico aggiornato dalla israeliana Elbit in collaborazione con la rumena Aerostar per rispondere alle esigenze dell'aviazione rumena nell'ottica dell'ingresso nella NATO per poter svolgere i ruoli richiesti dall'Alleanza. Tra il 1993 ed il 2003 vennero modificati 114 aerei, tra MiG-21M, -MF ed -UM, nelle versioni MiG-21 LanceR A, specializzato nell'attacco al suolo, LanceR C, specializzato nella difesa aerea, ed il LanceR B, versione da addestramento con limitate capacitÓ di attacco al suolo. Il lavoro di aggiornamento ha avuto come risultato finale un nuovo cockpit con configurazione HOTAS, Multifunction Display, Head-Up Display, avionica compatibile con gli standard NATO, nuove suite di protezione e la possibilitÓ di utilizzare sia armamento sovietico che occidentale grazie a delle modifiche ai punti di attacco, peculiaritÓ unica per una macchina di derivazione sovietica. L'upgrade ha inoltre introdotto il DASH Helmet Mounted Display, uno dei primi esempi di utilizzo di tale tecnologia in caccia operativi. La versione LanceR C Ŕ il risultato dell'aggiornamento delle cellule pi¨ giovani. Dotato di un nuovo radar ad impulsi Doppler israeliano, il LanceR C Ŕ in grado di effettuare sia missioni aria-aria che di attacco al suolo, trasformando il vecchio intercettore in un caccia multiruolo a tutti gli effetti. I LanceR C sono oggi impiegati principalmente nei compiti di difesa aerea e QRA. La missione primaria dei caccia di Campia Turzii Ŕ il QRA sotto il comando della NATO per l'area Nord-Est dello spazio aereo rumeno, servizio che viene svolto utilizzando i missili a corto raggio Magic 2, che in caso di necessitÓ possono essere sostituiti dai Python 3.
Nel corso del suo processo di ammodernamento, l'Aeronautica Rumena ha scelto di sostituire i MiG-21 con gli F-16 in surplus dall'Aeronautica Portoghese. I primi esemplari dovrebbero essere consegnati verso la fine del 2016 a Fetesti, dove sono iniziati i lavori di ammodernamento, con il conseguente trasferimento dei MiG-21 presso la base Mihail Kogalniceanu a Costanza. Nei prossimi anni anche la base aerea di Campia Turzii potrebbe crescere e ricevere nuove infrastrutture per ospitare uno squadron operativo sui nuovi caccia.


           

               

2016©AVIOBOOK.com
2016©Paolo Rollino/pierrestudio